www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Programma di Educazione alla Pace - TPRF



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


giovedì 28 luglio 2011

Immigrazione: l'integrazione non si certifica con i crediti ma con i diritti e doveri e la cittadinanza

Comunicato Stampa
 
Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Dpr che istituisce l'accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato. L'accordo prevede che gli stranieri che entrano per la prima volta in Italia, di eta' superiore ai 16 anni, possano stipulare un accordo con lo Stato. Lo straniero si impegna ad acquisire la conoscenza della lingua italiana e una sufficiente conoscenza della cultura civica e della vita civile in Italia. Lo Stato assicura allo straniero la partecipazione gratuita ad una sessione di formazione civica di durata tra le 5 e le 10 ore. Lo straniero, che frequenta i corsi, partira' con 16 crediti e dovra' arrivare alla soglia di 30 crediti. Al termine del biennio si svolgera' gratuitamente un test inerente la conoscenza della lingua e della cultura civica. Per i crediti inferiori a 30 ci sara' una proroga annuale dell'accordo. Per i crediti pari o inferiori a zero ci sara' l'espulsione dello straniero.
 
Questa un'altra notizia positiva degli ultime giorni ma a meta' ,noi siamo a favore della completa integrazione del insegnamento della lingua e cultura italiana .con il principio diritti e doveri ma senza mettere il cittadino straniero sotto esami continui faccendolo sentire immigrato per sempre o un cittadino momentaneo o di passaggio.
 
Inoltre chiediamo al ministro dell'interno quanti crediti spettano ai medici , operatori sanitari stranieri e professionisti  che a loro e' impedito di sostenere concorsi pubblici perche' non sono in posseso di cittadinanza italiana ma lavorano e pagano le tasse regolarmente .
 
Inoltre chiediamo al ministro dell'interno quanti crediti spettano ai medici stranieri che non possono fare il medico di famiglia perche' non e' cittadino italiano .
 
Inoltre quanti crediti spettano ai giovani stranieri che nonestante sono nati in Italia sono costretti a lottare tutti i giorni la doppia identita' e contro l'impedimento di acquisire la cittadinanza italiana .
 
Infine chiediamo al Governo Italiano di consentire a medici ed operatori di origine straniera che lavorano  in Italia ufficialmente da piu' di 5 anni regolarmente di potere sostenere concorsi pubblici considerando anche ultimamente si parla molto del calo dei medici italiani.
 
Il Presidente Amsi Associazione Medici Stranieri in Italia e Co-Mai Comunità del Mondo Arabo in Italia

Prof. Foad Aodi segr.amsi@libero.it
3387177238
 
 

Nessun commento: