www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Programma di Educazione alla Pace - TPRF



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


martedì 21 giugno 2011

21-28 giugno, Palermo: Workshop "Promuovere la partecipazione giovanile e la cittadinanza democratica attraverso le TIC"





COMUNICATO STAMPA

“Promuovere la partecipazione giovanile e la cittadinanza democratica attraverso le TIC” è un workshop organizzato dal CEIPES (www.ceipes.org) e rivolto a 25 giovani provenienti da tutta Europa e finalizzato a incoraggiare la cittadinanza attiva e la partecipazione civica e politica tramite i blog.


La nuova era digitale e le recenti rivoluzioni nel mondo arabo fanno si che questo sia un tema più che attuale e rilevante per la vita dei giovani e delle società Europee. Spesso l’Europa viene vista come una specie di paradiso, un luogo dove la democrazia e i diritti umani vengono messi in pratica e rispettati dai governi. La verità è invece un’altra, i problemi in Europa ci sono e non possiamo ignorali, così come non dobbiamo lasciarci addormentare all’ombra dei diritti conseguiti, vivendo con indifferenza verso le problematiche sociali e politiche, sia all’interno dei nostri paesi che all’esterno, incluso fuori l’Europa.

Questo workshop vuole così essere un momento di incontro fra giovani da diversi luoghi e contesti, dando loro strumenti rilevanti per la cittadinanza attiva e il cambiamento sociale. Attraverso lo scambio di informazioni e conoscenze rispetto alle problematiche vissute e l’apprendimento di nuove competenze nell’ambito del blogging e dell’advocacy (pressione) il workshop vuole contribuire a creare una comunità giovanile più attiva, capace e interessata al mondo e alle problematiche Europee e globali.

Il gruppo dei 25 partecipanti sarà ospitato presso il Convento del Carmine Maggiore (Via Giovanni Grasso 1, Palermo) tra il 21 e il 28 Giugno. Il programma di lavoro comprende attività giornaliere dalle 9.30 alle 18.30. La serata del 22 Giugno, ore 21.30, è aperta alla partecipazione delle e degli interessati e versa sullo scambio culturale.

Il workshop è organizzato dal CEIPES (www.ceipes.org) e realizzato con il supporto finanziario dell’European Youth Foundation del Consiglio d’Europa.

Il Consiglio d’Europa (http://www.coe.int/), con sede a Strasburgo (Francia), raggruppa oggi, con i suoi 47 Stati membri, quasi tutti i paesi del continente europeo. Istituito il 5 maggio 1949 da 10 Stati fondatori, il Consiglio d’Europa ha come obiettivo quello di favorire la creazione di uno spazio democratico e giuridico comune in Europa, nel rispetto della Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo e di altri testi di riferimento relativi alla tutela dell’individuo.


Nessun commento: