www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


sabato 28 gennaio 2012

Mineo. Un migrante bengalese denuncia la corruzione nel CARA

A dicembre un interprete bengalese aveva chiesto a un connazionale 440 euro. Assicurava l`esito positivo per la richiesta di rifugiato politico. Sarebbe stato `segnalato` da un poliziotto. Oggi invece la vittima ha avuto un diniego, nonostante la coraggiosa denuncia. "Adesso le nostre vite sono in pericolo", dice. "Questo somiglia alla mafia".
 

MINEO (CT) - Lo scorso dicembre la polizia arrestava per estorsione un bengalese di 37 anni, Mainul Mohd Alam, interprete nel Cara di Mineo. Secondo l`accusa, si sarebbe fatto consegnare 440 euro da un suo connazionale per assicurare un esito positivo alla sua richiesta sullo status di rifugiato.
I soldi sarebbero stati un anticipo di una tangente da 5mila euro che l`interprete avrebbe chiesto fossero consegnati a suoi familiari in Bangladesh da altri congiunti. Oggi la vittima denuncia di avere ricevuto il diniego dalla commissione.

Lavorava in Libia fino alla guerra. Poi è stato costretto a scappare. Il 9 aprile è arrivato a Lampedusa. Quindi il trasferimento a Mineo. "Qui" racconta, "un poliziotto mi ha preso da parte e mi ha detto: contatta l`interprete. Pagalo e lui tradurrà la tua intervista alla commissione. Questo somiglia alla mafia". In totale voleva 5000 euro per tutti i documenti. "Siamo andati in Questura e abbiamo denunciato tutto", prosegue.

Poi l`interprete è stato arrestato. Ma infine è arrivato il diniego. "Non ci hanno dato né la protezione umanitaria né nulla. Adesso le nostre vite sono in pericolo. Sono qui da nove mesi senza poter lavorare".

Enrico Montalbano, "Mineo. Un migrante bengalese denuncia la corruzione nel CARA", terrelibere.org, 28 gennaio 2012, http://www.terrelibere.org/mineo-un-migrante-bengalese-denuncia-la-corruzione-nel-cara




Nessun commento: