www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


martedì 15 gennaio 2013

17 gennaio, Palermo: Sit-in del Coordinamento Anti-tratta Favour e Loveth di Palermo e lettera aperta ai giornalisti


COORDINAMENTO ANTITRATTA FAVOUR E LOVETH

COMUNICATO STAMPA


- Considerando che in Italia si profila da tempo la necessità urgente di intervenire con incisività sulla cultura maschilista e patriarcale che sta all'origine delle violenze e dello sfruttamento del corpo femminile;

- Considerando che il linguaggio dei media veicola e diffonde il pensiero prevalente nella società e ne perpetra pregiudizi e stereotipi;

- Considerato che un uso corretto e non sessista della lingua italiana è presupposto fondamentale per avviare un percorso culturale di reale parità tra i sessi;

- Facendo appello all'articolo 9 del codice deontologico della/del Giornalista che recita: "Nell'esercitare il diritto-dovere di cronaca, la giornalista o il giornalista è tenuta/o a rispettare il diritto della persona alla non discriminazione per razza, religione, opinioni politiche, sesso, condizioni personali, fisiche o mentali"

il COORDINAMENTO ANTITRATTA FAVOUR E LOVETH

CHIEDE

L'UFFICIALE ADESIONE DELLE DONNE-GIORNALISTE
DI TUTTE LE REDAZIONI CITTADINE
AL SIT IN CHE SI TERRÀ GIOVEDÌ 17 IN VIA PRINCIPE DI BELMONTE ALLE ORE 17.00
AUSPICANDO CHE SI FACCIANO ESSE STESSE GARANTI
DI UN USO DEL LINGUAGGIO GIORNALISTICO
RISPETTOSO DELLA DIGNITÀ DELLA DONNA
CHIUNQUE ESSA SIA

e simbolicamente

CONSEGNA

UNA LETTERA APERTA AI GIORNALISTI


----------------


LETTERA APERTA DEL COORDINAMENTO ANTITRATTA FAVOUR E LOVETH

AI GIORNALISTI

Certi di trovare in Voi ampia condivisione, riteniamo che su pochi e semplici principi si incardini il senso civico e in cima a tutti c'è il rispetto per la dignità umana e quello per la verità.

Nel 2012 Palermo è stata teatro di efferati femminicidi. In particolare, l'uccisione delle due ragazze nigeriane, Favour e Loveth, è assurta a simbolo dell'indifferenza delle istituzioni e dei media nei confronti della piaga sociale della tratta delle donne. Si, perché non si tratta solo di "prostituzione", ma di schiavitù. È certo che le due donne vivevano in quella zona d'ombra ignorata dai più, dove la criminalità del loro paese d'origine trova sponda nella nostra; dove certa mentalità maschilista, che considera lo sfruttamento del corpo femminile una straordinaria risorsa economica (più di 10 milioni di euro l'anno solo a Palermo!), incontra i retaggi di un erotismo che si alimenta del gusto della sottomissione.

Da queste morti si è levata la protesta di tante Palermitane e tanti Palermitani che silenziosamente si sono raccolti in una grande fiaccolata e, prima ancora, il 6 Febbraio 2012, hanno ufficialmente costituito il Coordinamento Antitratta Favour e Loveth nel quale sono coinvolti comitati, associazioni e libere/i cittadine/i. L'auspicio del Coordinamento è che, almeno nella nostra città, il contrasto alla tratta delle schiave diventi una priorità nell'agenda delle Istituzioni, della Politica e del Giornalismo d'inchiesta.

Non è una città civile quella in cui a pochi interessa approfondire i legami tra la criminalità nigeriana, ed extracomunitaria in genere, che organizza la tratta e lo sfruttamento delle giovani donne, e le organizzazioni criminali locali che vi lucrano.

Non è una città civile quella in cui le principali testate giornalistiche hanno reso noto il brutale omicidio di Favour con uno striminzito trafiletto.

Non è una città civile quella in cui, dopo tutto questo, in occasione del suicidio in carcere dell'uomo che ha ucciso e bruciato il corpo di Favour, campeggiavano nei giornali titoli del tipo "suicida l'assassino di una prostituta". Mentre alcun cenno si faceva alla storia della ragazza né al suo stato di schiavitù, sortendo un effetto indubbiamente depistante rispetto al messaggio che sarebbe stato importante lanciare ai cittadini.

Non è una città civile quella in cui regna l'indifferenza anche di fronte all'attentato alla vita di Vivian Wiwoloku, pastore della Chiesa metodista, avvenuto nei giorni scorsi in Nigeria e alle reiterate minacce di morte susseguitesi a Palermo. Vivian da anni si batte nella nostra città contro la tratta delle schiave del sesso con l'obiettivo, indubbiamente scomodo per tanti, di sottrarre queste donne al destino che la criminalità organizzata impone loro.

La lotta contro lo sfruttamento, la violenza e la tratta non va demandata solo alle associazioni di settore e alle Forze dell'Ordine. È importante diffondere la consapevolezza che questa battaglia di civiltà coinvolge tutte e tutti, non ultimi voi Giornalisti.

Ecco perché, in occasione della simbolica consegna di questa nostra lettera aperta ai Giornalisti

il Coordinamento Antitratta Favour e Loveth


CHIEDE

l'ufficiale adesione delle Donne-Giornaliste di tutte le redazioni cittadine al SIT IN che si terrà GIOVEDÌ 17 IN VIA PRINCIPE DI BELMONTE alle ore 17,00.


Auspichiamo così che si facciano esse stesse garanti di un uso del linguaggio giornalistico rispettoso della dignità della donna, chiunque essa sia.



Contatto facebook: Coordinamento Favour e Loveth

Segreteria tel: 091/6262694


Nessun commento: