www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Programma di Educazione alla Pace - TPRF



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


sabato 3 dicembre 2011

28 novembre, Bruxelles: Lectio Magistralis di Prem Rawat, ambasciatore di Pace nel mondo. Sottoscritto il Pledge to Peace


Bruxelles, lunedì 28 novembre 2011 – Un pubblico di diplomatici, rappresentanti delle Istituzioni, delle organizzazioni no profit, delle Università, degli Enti pubblici e privati, ha applaudito a Bruxelles al Parlamento Europeo la lectio magistralis tenuta da Prem Rawat sul tema della pace, nell’ambito della conferenza “Pace e Prosperità – valori fondanti dell’Unione Europea”.


Prem Rawat, a cui è stato conferito da varie istituzioni, anche italiane, il titolo di Ambasciatore di Pace in virtù del suo impegno, esprime un concetto della pace teso a valorizzarne la necessità fondamentale nella vita di ciascuno, così come sono considerati fondamentali i diritti civili, i bisogni primari, l’accesso alle opportunità.

In uno dei passaggi più sentiti, Prem Rawat ha affermato che “ogni essere umano qui sulla Terra è nostro prossimo, perché non abbiamo altri vicini di casa là fuori. Quando non andiamo d’accordo con le altre persone per differenze di lingua, di razza o di altezza, neghiamo un valore insito in noi stessi”. E ha poi aggiunto: “Abbiamo provato tutto ma non a dare una possibilità alla pace. Cos’è la pace? L’assenza di guerra? No! La guerra accade perché le persone hanno perso il rispetto reciproco. Le regole sono diventate più importanti delle persone. La pace è nel cuore degli esseri umani, non nella loro mente”.

L’iniziativa, così come la dichiarazione d’intesa finalizzata a suggellare l’impegno delle istituzioni nel promuovere e sviluppare una società basata sui valori della pace e di conseguenza sulla dignità della persona e sulla convivenza comune, è stata promossa dal primo vicepresidente del Parlamento europeo, On. Gianni Pittella.

Nel sottolineare l’importanza dell’impegno assunto dalle istituzioni che hanno sottoscritto il Pledge to Peace, l’On. Pittella ha dichiarato che: “La pace non è un obiettivo soltanto dei grandi uomini, ma un dovere affidato al contributo di tutti noi.” Riferendosi alle rivolte che hanno attraversato i paesi arabi, Pittella si è augurato che, con l’aiuto dell’Unione europea “la primavera non diventi autunno o inverno, ma si trasformi nella splendida estate, mite e soleggiata, della democrazia”.





Nessun commento: