www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


domenica 25 novembre 2012

26 novembre, Palermo: Coltivare culture

Amici, colleghi, sostenitori e interessati, 

La Cooperativa Sociale Placido Rizzotto Libera Terra, insieme ai partner del progetto, Libera, Coop. Pio La Torre Libera Terra, Coop. Libera-mente, Coop. Beppe Montana Libera Terra, Libera Terra Mediterraneo Società Consortile, associazione Ubuntu, associazione Bayty Baytik, Consorzio Sviluppo e Legalità in collaborazione con l'Università degli Studi di Palermo organizzeranno, lunedì 26 novembre presso la Sala delle Capriate di Palazzo Chiaramonte detto Steri, un tavolo tematico sull'integrazione socioculturale degli immigrati.
Il tavolo rientra all'interno del ciclo di seminari previsti dal progetto "Coltivare Valori – Percorsi di legalità sulle terre liberate dalle mafie", cofinanziato da Fondazione con il Sud, e sarà focalizzato sul tema dell'inserimento e dell'inclusione dei minori stranieri.
La finalità sarà quella, da un lato, di fornire una fotografia sul tema in oggetto, dall'altro, di attivare riflessioni sulle pratiche da sviluppare per migliorare gli interventi, individuando i beni confiscati alla mafia come possibile risorsa.

La mattinata si aprirà con i saluti istituzionali e andrà avanti con due sessioni di lavoro, che saranno precedute dalla testimonianza di un giovane migrante.

Durante la prima sessione si discuterà delle problematiche relative agli sbarchi sulle nostre coste e della tratta di esseri umani con il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini e il procuratore aggiunto Vittorio Teresi. La sessione proseguirà con un intervento del Dott. Martino Lo Cascio che esporrà le modalità di presa in carica dei Minori Stranieri Non Accompagnati da parte dell'Ufficio Servizi Sociali per i Minorenni del Tribunale di Palermo. Modererà Tonio Dell'Olio, responsabile di Libera International.
Nella seconda sessione, si discuterà di inserimento e integrazione dei minori attraverso un report delle esperienze sul territorio. La Dott.ssa Yodit Abrah affronterà il ruolo della Mediazione Culturale,  il Dott. Giuseppe Di Rienzo esporrà sul tema della progettualità in ambito sociale rivolta ai Minori Stranieri Non Accompagnati. La mattinata si concluderà con l'intervento dei Dott. Cristiano Inguglia, Rodan Di Maria e Cristiana Gioè dell'Università degli Studi di Palermo, che presenteranno il servizio di Tutorato e Accoglienza per studenti stranieri dell'ateneo palermitano e i risultati di una ricerca sull'inclusione di questi studenti svolta nell'ambito del progetto internazionale "Mutual Intercultural Relations in Plural Societies (MIRIPS)". Modererà la Prof.ssa Alida Lo Coco.
Nel pomeriggio presso i locali dell'Istituto Tecnico Navale "Gioeni Trabia" di via Vittorio Emanuele n ° 27 - Palermo saranno attivati dei workshop, condotti dal Gruppo Abele di Torino, su:
"Contesti che educano, percorsi che liberano: l'intervento educativo tra informale ed formale"
Attraverso il contributo dei formatori del Gruppo Abele, Sabrina Sanfilippo e Michele Gagliardo, si solleciteranno i partecipanti ad una riflessione sul tema del lavoro educativo tra formale ed informale con minori stranieri non accompagnati e di seconda generazione, orientato all'attivazione di processi di liberazione e di cittadinanza.
 
Per iscriversi al workshop scaricare l'apposito modulo cliccando qui compilarlo in tutte le sue parti ed inoltrarlo all'organizzazione dell'iniziativa seguendo le istruzioni indicate al suo interno.

Associazione Interculturale 
Bayty Baytik "Casa mia è casa tua"
ONLUS -  Palermo
__________________________________________
sede legale- viale Michelangelo, 450, 90145 Palermo
cod. fisc. 97235600828
fb: Bayty Baytik
myspace:  www.mayspace.com/baytybaytik

 

Nessun commento: