www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


venerdì 20 settembre 2013

21 settembre, Firenze: Assemblea antirazzista e APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UN PERCORSO PER UNA MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO IL RAZZISMO


Assemblea Nazionale

Immigrazione/Antirazzismo a Firenze

sabato 21 settembre 2013

dalle 10.00 alle 17.00

presso il Dopo lavoro ferroviario in Via Alamanni, 4/A

Firenze


APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UN PERCORSO

PER UNA MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO IL RAZZISMO

E PER I DIRITTI DEI E DELLE MIGRANTI


Negli ultimi anni l'aggravarsi di una crisi economica di cui non si intravede la fine ha fatto crescere le contraddizioni e il disagio sociale. Le discriminazioni e la mancanza di diritti sono sempre più evidenti e contestualmente sono aumentate le manifestazioni di razzismo, sia a livello istituzionale che nella società.
Per questo, il 6 luglio associazioni, esponenti di partiti, organizzazioni sindacali e singole persone si sono riuniti in un'assemblea per discutere ed elaborare una proposta di piattaforma in grado di tenere conto e di valorizzare le numerose esperienze di lotta e di vertenzialità maturate in questi anni nei territori. L'obiettivo – ambizioso ma necessario – è di coinvolgere tutte le soggettività democratiche e tutti i cittadini e le cittadine nella costruzione di un percorso comune di mobilitazione per la convocazione di una manifestazione nazionale – contro il razzismo e per i diritti dei e delle migranti - che possa stimolare, favorire e sostenere lo sviluppo della coscienza civile e di difesa dei diritti per tutti/e sul territorio.
La proposta che facciamo è una proposta aperta, non intende e non può essere esaustiva ma vuole essere uno stimolo per favorire percorsi di convergenza, perché crediamo sia necessario unire le forze per dare una prospettiva alla difesa dei diritti dei e delle migranti e contrastare ogni forma di razzismo e discriminazione.
Non si tratta solo di diritti dei e delle migranti, ma di una prospettiva di diritti per tutta la società, da costruire insieme a partire dalle seguenti parole chiave, qui sviluppate solo parzialmente e in forma sintetica come base di discussione:
 
Razzismo 
 
Diritti
Chiediamo l'immediato riconoscimento della cittadinanza italiana per i bambini e le bambine nati/e o cresciuti/e in Italia e, una modifica complessiva della legge che faciliti l'ottenimento della cittadinanza, semplificando l'iter burocratico e superando le restrizioni esistenti. Chiediamo il diritto di voto attivo e passivo nelle elezioni amministrative per i e le migranti residenti in Italia. Chiediamo il diritto alla casa e l'abolizione delle restrizioni nei requisiti per l'abitabilità, che va riconosciuta a pieno titolo in tutte le  strutture. Chiediamo il pieno diritto alla salute come diritto soggettivo e di eguale fruibilità.

Lavoro
Rivendichiamo il diritto al lavoro previsto dalla costituzione e parità di diritti nei posti di lavoro, superando le discriminazioni, valorizzando le competenze e il know-how dei migranti, a partire dal riconoscimento dei titoli di studio. Chiediamo la regolarizzazione di tutti e tutte coloro che vivono e lavorano in questo paese. Chiediamo l'abolizione del contratto di soggiorno che altro non è che uno strumento di ricatto e di maggiore precarietà per i/le migranti. Va combattuto lo sfruttamento tramite il lavoro nero e le tante forme di precarietà legali e semi-legali diffuse in particolare nel lavoro agricolo, nel settore della logistica, nell'edilizia, nel turismo e nel lavoro domestico, dando risposte concrete alle tante lotte che si sono susseguite negli ultimi anni, a partire da quelle in seguito alle sanatorie, che hanno generato solo truffe, ingiustizie e soprusi.

Asilo
Serve una legge che garantisca un vero sistema di accoglienza con strutture, risorse e strumenti adeguati e che rimuova gli ostacoli e i limiti nella procedura per l'ottenimento dell'asilo attraverso l'introduzione di una legge che prenda spunto dalla legislazione avanzata esistente in altri paesi europei in materia di protezione internazionale. Per il superamento dei vincoli imposti dalla Convenzione di Dublino e per l'introduzione dell'asilo europeo.
 
Libertà di circolazione e Politica di ingresso
Chiediamo l'abrogazione della legge Bossi-Fini, del cosiddetto "pacchetto sicurezza" e di tutte le norme punitive dei e delle migranti contenute in quel decreto e l'introduzione di norme che consentano l'ingresso legale in questo paese, superando la logica dei flussi, nella quale si stanno invece introducendo ulteriori restrizioni. Contro la politica dei respingimenti e gli accordi bilaterali in materia.

Luoghi di reclusione
I CIE, nei quali le condizioni di detenzione sono ulteriormente peggiorate, vanno chiusi. Denunciamo anche la situazione nei tanti altri luoghi in cui i e le migranti vengono reclusi. Pensiamo ad esempio agli aeroporti, ai posti di frontiera, ecc.
 
Memoria e identità
Affinché le identità non si cristallizzino in forme escludenti ma si arricchiscano delle identità plurali, multiformi e meticce che oggi popolano l'Italia. Affinché la memoria delle ingiustizie originate dal razzismo, da politiche discriminatorie e dalla negazione dell'identità di interi popoli non venga cancellata, ma sia la base per uno sguardo non indulgente sul passato e per la costruzione di un futuro basato sul rispetto reciproco, la parità di diritti e la giustizia sociale.
Proponiamo di avviare da subito una discussione che consenta di organizzare delle assemblee o iniziative a livello cittadino nella seconda settimana di settembre. In queste sedi locali si potranno sviluppare ed articolare meglio i temi proposti in vista di un nuovo appuntamento nazionale per sabato 21 settembre a Firenze, con l'obiettivo di convocare una manifestazione nazionale entrò la prima quindicina di novembre.
Dalla discussione è emerso che le importanti iniziative già convocate, come la manifestazione del 28 settembre a Brescia e la manifestazione nazionale per il diritto all'abitare del 19 ottobre, vanno valorizzate come appuntamenti importanti su cui convergere nell'ambito di un percorso complessivo di mobilitazione e di lotta da costruire insieme.

ASSEMBLEA DEL 6 LUGLIO 2013 presso la Sala DLF di Firenze

Per informazioni ed adesioni al percorso: assembleantirazzista6luglio@gmail.com

Hanno partecipato all'assemblea rappresentanti delle seguenti organizzazioni ed associazioni: Prendiamo la parola, Naga (Milano), Rete antirazzista di Firenze, Forum Migrazione PD, Centro sociale Casa Loca (Milano), Ass. Ya Basta (Milano), Action (Milano), Rete G2, Ass. Sopra i ponti (Bologna), Ass. Nazione Rom, Casa internazionale delle donne , Cesdi (Centro Servizi Donne Immigrate), Conapi , Studio 3R,  SEL Livorno, Le radici e le ali (Milano), Asso pace Palestina, Partito della Rifondazione Comunista, Ambulatorio Medico Popolare (Milano), Ci siamo anche noi (Pavia), Socialismo rivoluzionario (Firenze), Il pettirosso (Terni), Informa stranieri (Perugia), Ass. Giù le frontiere,  Primo marzo (Firenze), Comboniani, Convergenza delle Culture (Milano), Comitato Stop razzismo (Prato), UNIFI, Rete dei diritti dei senza voce (Bolzano), Senza confini (Roma), Cospe, Alpiandes (Milano), Libertà e partecipazione (Prato), TILT, SEL dipartimento nazionale immigrazione, Ass. Nuovi orizzonti latini, Forum nuovi cittadini di campo bisenzio, Rete antidiscriminazione Umbria, El Mastba, CGIL,  Alba, Diritti per tutti (Brescia), Laicità e Diriti,  Arci, Corriere immigrazione, Racmi, Pontes dei Tunisi in Italia, Centro Inter. Prov Mantova, Todo Cambia (Milano), Immigrazione ed omosessualità (Milano), Lunaria (Roma)

Nessun commento: