www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


lunedì 24 settembre 2012

Corriere Immigrazione: Tate, colf e altre donne globali


Settimanale di informazione e cultura sull'Italia di oggi e di domani

 


In questo numero
Tate, colf e altre donne globali
Secondo gli addetti ai lavori, il 30% delle domande di emersione, nella sanatoria in corso, riguarderanno il settore dei servizi alla persona. In altre parole: tate, colf e badanti. In Italia, nel 2010, risultavano oltre 870mila lavoratori domestici iscritti all'Inps, per la massima parte donne e straniere. A questi vanno aggiunti almeno altri 200mila impiegati in nero...

Continua a leggere...


In primo piano
Nel parco delle badanti
Il parco di via dei Mille è adagiato sul confine ovest del centro storico di Brescia, a cavallo del "ring", l'anello a scorrimento veloce che collega le colline occidentali della Franciacorta al lago di Garda...

Continua a leggere...


Donne globali
Rosaura e la figlia lontana
Succede sempre più spesso che a emigrare siano le donne, anche perché nell'Occidente globalizzato sempre più alta è la richiesta per i cosiddetti lavori di cura (tate, colf, badanti) che sono svolti tradizionalmente dalle donne...

Continua a leggere...


Gradisca d'Isonzo
Salute, il diritto che non Cie
Il diritto alla salute e il rispetto della persona rimangono fuori da Gradisca di Isonzo e dagli altri CIE. Come dimostra la vicenda di Radouane. Lui è uno dei tanti "ospiti" di questa struttura su cui è particolarmente difficile avere informazioni...

Continua a leggere...


Sanatoria 2012
Rischi per chi presenta la domanda
E' partita dal 15 Settembre scorso la procedura per la regolarizzazione dei lavoratori migranti: molte sono tuttora le incognite, soprattutto su alcuni passi controversi del decreto legislativo che ha disposto la "sanatoria"...

Continua a leggere...


Madri a perdere
Gli orfani della globalizzazione
Sono i figli, rimasti a casa, di tate, colf, badanti. Crescono soli, mentre le madri si occupano della vita e dello sporco degli altri.  Il nesso tra la condizione e le problematiche di queste lavoratrici e quelle delle loro datrici di lavoro...

Continua a leggere...


Castelnuovo Scrivia
La lotta paga. E lo sportello legale straripa
Avevamo lasciato i lavoratori e le lavoratrici immigrati di Castelnuovo Scrivia, in provincia di Alessandria, nelle fasi concitate di un presidio ad oltranza. Avevano osato alzare la testa, denunciare lo sfruttamento subito lavorando per 12/14 ore al giorno agli ordini, con marcati accenti razzisti di un padrone che pensava di poter fare di loro ciò che voleva...

Continua a leggere...


Brescia
Niente scuolabus per i piccoli rom
Una nuova storia di ordinario razzismo istituzionale, in chiara salsa pre-elettorale. Ma la città sta regendo...

Continua a leggere...


Saharawi
Solo per farti sapere che sono viva
Un documentario sulla violenza contro le donne saharawi e l'impatto della guerra sulle loro vite. Un viaggio nel deserto, in Sahara Occidentale e nel Sud dell'Algeria, per raccogliere le loro voci e scoprire, attraverso i loro occhi, la storia dimenticata di un popolo...

Continua a leggere...


La mostra
I cinesi di Barge e Bagnolo
Era il 1996 quando il primo cinese, uno scalpellino proveniente dalla provincia dello Zhejiang, si installò nella provincia di Cuneo, famosa per l'estrazione e lavorazione della pietra Luserna...

Continua a leggere...


Sabaudia
Se sono i sikh a pulire il mondo
Migranti sikh e italiani insieme, a Sabaudia, in provincia di Latina, per Puliamo il Mondo, l'edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del pianeta...

Continua a leggere...


Freschi di stampa
Un incontro di civiltà. Tutto al femminile
Qamar, la protagonista de Il caffè delle donne (Mondadori, e 17,50), romanzo di esordio della 31enne Widad Tamimi, è una giovane donna nata e cresciuta a Milano, convivente con l'italianissimo Giacomo, che porta dentro di sè l'impronta di un'altra cultura: quella araba...

Continua a leggere...


Lasciamoli uscire (dai Cie)
La storia di Omar
Dai Cie generalmente si esce in condizioni di salute peggiori rispetto a quando si è entrati. Dentro accade di tutto senza l'occhio indiscreto di osservatori esterni. Ogni tanto giungono denunce verbali per maltrattamenti subiti, magari durante tentativi di fuga o di rivolta...

Continua a leggere...


Razzismo istituzionale
Prostitute e pericolose
Non era bastata una sentenza del tribunale di Genova che nel 2008 ha accolto il ricorso di una donna rumena contro una espulsione adottata dal Prefetto, perché la donna che si prostituisce «non pone in essere un'attività di per sé"pericolosa" per l'ordine pubblico o per la sicurezza pubblica, e tantomeno lede o compromette la "dignità umana"»...

Continua a leggere...


Sportello migranti
Sanatoria e contributi
Il quesito: un datore di lavoro, dopo aver inviato mediante modulo on-line la domanda di emersione 2012 per la propria colf, desidera sapere come si pagano i contributi...

Continua a leggere...


E altre notizie ancor su www.corriereimmigrazione.it

Pagina Facebook: Corriere Immigrazione


Nessun commento: