www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


mercoledì 23 ottobre 2013

22 ottobre, Palermo: Presentato il Ghana Business Forum

Si è svolta ieri mattina presso la Sala degli Specchi di Villa Niscemi la conferenza stampa di presentazione del “Ghana Business Forum”, una manifestazione promossa dall'Ambasciata italiana del Ghana, in collaborazione con il Ghana Investment Promotion Center (agenzia governativa per la promozione degli investimenti), che si terrà il 28 ottobre presso i Cantieri Culturali della Zisa di via Paolo Gili, 4.

Il Forum rappresenta l’occasione, per la Sicilia, di allacciare relazioni di scambio e cooperazione con il Ghana e per gli imprenditori palermitani e siciliani di conoscere un mercato in forte crescita come quello del Paese Africano. Presenti, tra gli altri, il Sindaco Leoluca Orlando, l'Assessore alle Attività Produttive, Marco Di Marco, il Referente dell'Ambasciata del Ghana per la Sicilia, Francesco Campagna e Sami Ben Ablelaali, Consulente della Regione Siciliana alla cooperazione nell’ambito di agricoltura e pesca. Nel corso della conferenza stampa è stata anche ufficializzata l’apertura a Palermo del Consolato Onorario del Ghana in Sicilia. 

“E’ un’altra conferma – ha dichiarato il Sindaco Orlando - della nostra volontà politica, culturale, economica di fare di Palermo un punto di incontro e di confronto di culture ed economie diverse. Per questo è importante che apra qui un Consolato Onorario del Ghana, un’altra tessera del mosaico multiculturale della città. Questo Forum economico sicuramente porterà la possibilità per gli imprenditori siciliani, non solo palermitani, di investire in Ghana e, viceversa, per gli imprenditori ghanesi di apprezzare la realtà siciliana. Non dimentichiamoci che se il Ghana ha il petrolio, noi abbiamo un grande patrimonio che sono le innovazioni nel settore tecnologico e in quello delle energie alternative, nonché una straordinaria ricchezza di prodotti agro- alimentari – ha concluso il Sindaco Orlando - che sono la base affinché si realizzi una partnership tra l’economia del Ghana e quella siciliana”.

“L’Amministrazione comunale – ha dichiarato l’Assessore alle Attività Produttive Marco Di Marco - ha intrapreso un percorso di relazioni sia istituzionali, commerciali e culturali con diversi paesi  tra cui la Cina, la Russia, la Repubblica Ceca, la Tunisia, il Marocco, la Costa D’Avorio, ecc. Molti di questi per certi versi hanno un livello di arretratezza elevato. Quindi, lo scopo è prevalentemente quello di sfruttare le competenze che abbiamo acquisito e andare a coltivare in quei terreni lontani prodotti tipici della nostra regione, come le arance o il fico d’India, da poter poi esportare. Ed è un modo di superare la crisi sistemica che stiamo vivendo e per far sì che le imprese palermitane e siciliane possano trovare altri paesi di sbocco, in considerazione del fatto che i mercati europei sono ormai saturi. I rapporti di scambio con il Ghana  sono iniziati circa 17 mesi fa – ha continuato l’Assessore Di Marco - e ora si consolideranno con la nascita del Consolato. Tutto questo si inserisce, naturalmente, in un contesto che vede la candidatura di Palermo a “Capitale europea della Cultura nel 2019” e che si profila anche come integrazione di culture diverse rispetto a quelle del Mediterraneo”.

Nessun commento: