www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


giovedì 12 settembre 2013

19 novembre, Roma: Corso di formazione per docenti L2 specializzati nell'insegnamento a richiedenti asilo, rifugiati e migranti vulnerabili


La proposta di In Migrazione e Asinitas in programma a Roma
dal 19 novembre 2013 al 27 febbraio 2014 

SCARICA IL PROGRAMMA

La scuola per gli adulti stranieri, non solo per imparare l’italiano ma anche per ritrovare motivazione, incentivare lo scambio, rafforzare la persona in un contesto intimo seppur collettivo. È la scuola vista da
In Migrazione e Asinitas che lanciano il primo corso di formazione rivolto a insegnanti L2 che vogliano specializzarsi nell’insegnamento della lingua a migranti vulnerabili, richiedenti asilo e rifugiati.

Un percorso di specializzazione dunque, nato dal presupposto che la qualità dell’accoglienza proposta alle persone straniere si misuri con la qualità del gruppo di lavoro messo in campo. Lavorare con persone socialmente fragili come i migranti vulnerabili, i richiedenti asilo, i rifugiati e i beneficiari di protezione internazionale (r.a.r) richiede una formazione specifica e accurata.

Il corso si svolgerà a Roma dal 19 novembre prossimo al 27 febbraio 2014, presso i locali dell’Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali in via di Villa Pamphili, 71c.

Il percorso formativo, di 74 ore, è strutturato in tredici moduli tematici che fanno leva sulla costruzione del gruppo come contesto stesso di apprendimento, affiancando alle lezioni frontali percorsi e strumenti come laboratori, studio di casi, simulazioni e role play, visite e attività sul campo in grado di favorire una formazione globale volta non solo al sapere, ma anche al saper fare e al saper essere.

Il corso affianca, all’acquisizione di saperi teorici di base a cura di esperti nel settore, una formazione metodologica condotta in maniera esperienziale da professionisti con un forte background di lavoro sul campo.

L’aggiornamento professionale è stato infatti pianificato con la collaborazione di Programma Integra, Archivio delle Memorie Migranti, Cemea del Mezzogiorno, Rete delle Scuole Migranti, Acisel e naturalmente Istisss.

La partecipazione è a numero chiuso e prevede un contributo di € 500,00. Al termine del corso viene rilasciato un attestato di partecipazione. Nell’iscrizione al corso è compreso l’abbonamento annuale alla “RIVISTA DI SERVIZIO SOCIALE - Studi di scienze applicate e di pianificazione sociale”.

Per informazioni e iscrizioni: info@inmigrazione.it

Per scaricare Locandina, Modulo di iscrizione e Regolamento CLICCARE QUI


Nessun commento: