www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


lunedì 6 maggio 2013

Palermo: Osservatorio anti-discriminazioni razziali Noureddine Adnane su ordinanza del Sindaco contro gli ambulanti

UNA DELIBERA LEGHISTA A PALERMO
Con una ordinanza sindacale del 3 maggio 2013 il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha vietato il commercio ambulante nelle principali strade della città e della limitrofa borgata di Mondello, con un provvedimento che costituisce una discriminazione indiretta nei confronti dei venditori ambulanti, in gran parte immigrati con regolare permesso di soggiorno e licenza per l'esercizio dell'attività commerciale, che in futuro si troveranno di fatto impossibilitati a svolgere la loro attività, oltre a restare ancora più esposti alle scelte discrezionali dei vigili urbani, in una situazione non dissimile da quella che qualche anno fa condusse un immigrato marocchino regolare, Noureddine Adnane, a darsi fuoco dopo che i vigili urbani, con una serie reiterata di controlli del tutto vessatori, gli avevano di fatto impedito di lavorare.

L'ordinanza sindacale adottata da Orlando, oltre a presentare profili evidenti di illegittimità che ci si riserva di rilevare nelle sedi competenti, soprattutto per le motivazioni carenti o contraddittorie. E non si tratta certo dei venditori di "pani ca' meusa", come alcuni giornali hanno riportato, forse per attenuare il carattere discriminatorio dell'ordinanza. A scorrere l'elenco delle strade nelle quali il commercio ambulante è vietato si individuano subito i veri destinatari. Gli immigrati che esercitano attività di commercio ambulante.

Rispetto alla legittima esigenza di garantire l'agibilità in alcune piazze del centro storico, esigenza avvertita da tempo e generalmente condivisa, l'ordinanza prende lo spunto dalle denunce di "alcuni cittadini (che) hanno evidenziato un eccezionale incremento dell'attività di commercio su aree pubbliche derivante dalla presenza di numerosi venditori ambulanti in via Cavour, via Spinuzza e Via Volturno", per estendere il divieto di commercio ambulante a molte altre vie della città e della borgata di Mondello,  senza un confronto con le parti interessate, senza  alcuna "giustificazione", e comunque senza uno straccio di motivazione.  Motivazioni inespresse, o del tutto generiche, che stanno forse nelle richieste del comando dei vigili urbani di Palermo . Dal quale sembra provenire l'allargamento dell'elenco delle strade per le quali è stato imposto il divieto.

Ma quello che connota l'ordinanza come un perfetto esempio di discriminazione indiretta, in quanto non si riferisce espressamente ad ambulanti immigrati, è il collegamento che si fa- nella scarna motivazione- tra la presenza dei venditori ambulanti, come si è detto in gran parte immigrati, e la " difficile situazione di vivibilità e sicurezza nell'intera zona" ( l'intera città di Palermo?). Secondo l'ordinanza " il restringimento della superficie pedonale favorisce il fenomeno di scippi, borseggi e la percorribilità dei marciapiedi". Come se non fossero gli stessi ambulanti le prime vittime di azioni violente di gruppi di giovani palermitani, e come se la presenza degli ambulanti favorisse il prosperare della microcriminalità. Questo a Palermo, città nella quale alcune piazze, soprattutto quelle dei mercati popolari, come a Ballarò, alla Kalsa ed alla Vucciria sono sotto il controllo di organizzazioni criminali al punto che neppure polizia e carabinieri ( per non parlare di vigili urbani) osano avventurarsi al di fuori dei controlli rituali.

Si registrano già alcune dissociazioni nella giunta e sembra che l'ordinanza venga modificata. Se si manterrà l'attuale impostazione ci saranno sicuramente gli strumenti legali ed i tempi per impugnare una simile ordinanza, come è indubbio che la materia andrebbe disciplinata in modo da garantire a tutti sicurezza e lavoro.  Occorre ridurre finalmente la discrezionalità enorme di cui si avalgono i vigili urbani nelle attività di controllo.Bisogna restituire certezze agli ambulanti e sicurezza anche a loro , come a tutti i cittadini. Crediamo soprattutto che, al di là del piano legale, i cittadini di Palermo debbano reagire contro una ordinanza discriminatoria che non garantisce un maggiore ordine ma costituisce un segnale che rischia solo di aumentare le prevaricazioni e le violenze ai danni degli ambulanti, privandoli del loro diritto al lavoro. Con l'effetto certo di aumentare l'abusivismo e possibili abusi d'ufficio. Se, come sembra, si aprirà un confronto con gli interessati, dovranno sentirsi tutti, anche gli ambulanti immigrati e non solo gli italiani. Anche questo sarebbe un ritorno al principio di non discriminazione. Palermo non  deve discriminare.

Osservatorio contro le discriminazioni "Noureddine Adnane"
Palermo, 4 maggio 2013


Nessun commento: