www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


martedì 11 dicembre 2012

14 dicembre, Palermo: Convegno "Detenzione amministrativa ed allontanamento forzato dopo la direttiva 2008/115/CE sui rimpatri"


Convegno

DETENZIONE AMMINISTRATIVA
ED ALLONTANAMENTO FORZATO 
DOPO LA DIRETTIVA 2008/115/CE
SUI RIMPATRI 

venerdì 14 dicembre 2012 
ore 15.00 – 18.30 
Aula Sturzo, Piazza Bologni 8
Palermo 

PROGRAMMA

Saluto
Prof. Aldo Schiavello
Coordinatore del Dottorato di ricerca in
“Diritti umani: tutela, evoluzione, limiti”

Introduzione dei lavori
Dott.ssa Judith Gleitze
Borderline-europe/Borderline Sicilia Onlus

Presentazione del convegno 
Prof. Fulvio Vassallo Paleologo (Università di Palermo)
Diritti sotto sequestro nei casi di allontanamento forzato e detenzione amministrativa

Interventi programmati

Prof. Massimo Starita (Università di Palermo)
La tutela multilivello dei diritti fondamentali della persona 

Prof. Emilio Santoro (Università di Firenze)
Il recepimento della Direttiva rimpatri in Italia: attuazione o tradimento?

Avv. Alessandra Ballerini del Foro di Genova
Principio di legalità e pratiche di respingimento in frontiera

Avv. Barbara Cattelan del Foro di Torino
L’esercizio effettivo dei diritti di difesa dei migranti irregolari

Avv. Gaetano Pasqualino del Foro di Palermo
Le prassi applicate nei casi di allontanamento forzato

Avv. Giuseppe Buscaino del Foro di Trapani
Le prassi applicate nei casi di detenzione amministrativa

Avv. Christian Valle del Foro di Napoli
L’esperienza dei CIE temporanei e il controllo giurisdizionale

Dott.ssa Gabriella Guido (Roma)
La campagna Lasciatecientrare ed il diritto all’informazione

Dibattito ed altri interventi non programmati

Per iscrizioni ed info: Fulvio Vassallo Paleologo  
tel. 348 3363054
mail: fulvio.vassallopaleologo@unipa.it


*************

Il tardivo e parziale recepimento in Italia della direttiva rimpatri – direttiva 2008/115/CE –  solleva ancora oggi incertezze nelle prassi applicate e rilevanti dubbi interpretativi  con conseguente possibile disapplicazione delle norme interne in materia di detenzione amministrativa ed allontanamento forzato che risultano  incompatibili con il testo e la ratio della direttiva. Si potrebbe pure verificare la possibilità di ulteriori interventi da parte della Corte di giustizia dell’Unione Europea, dopo la fondamentale sentenza sul caso El Dridi del 26 aprile 2011. La direttiva rimpatri persegue l’obiettivo di istituire norme comuni per un’efficace politica in materia di allontanamento e di rimpatrio degli immigrati irregolari sul territorio ma la stessa direttiva privilegia il rimpatrio volontario rispetto al rimpatrio forzato e tende a garantire comunque il rispetto dei diritti fondamentali della persona migrante, incluso il diritto alla libertà personale, ed i diritti di difesa, richiamati anche dagli articoli 13  e 24 della Costituzione italiana.

Il diritto dell’Unione Europea ha un rango gerarchico superiore rispetto al diritto nazionale e compito del giudice è quello di dare applicazione – in forza dei Trattati ed in forza della stessa Costituzione italiana ai sensi dell’art. 11 – alle fonti UE dotate di effetto diretto oltre che quello di applicare il diritto nazionale in modo conforme alla lettera e a gli scopi del diritto dell’Unione. Il legislatore italiano non ha attuato parti importanti della Direttiva 2008/115/CE ed ha esteso ad una generalità di casi il trattenimento amministrativo che secondo la Direttiva va finalizzato esclusivamente all’esecuzione delle misure di allontanamento forzato e deve cessare non appena sia evidente che tale allontanamento non si potrà verificare. Inoltre, secondo la direttiva, il trattenimento amministrativo nei centri di detenzione può superare i sei mesi solo in casi eccezionali. Da questa mancata o infedele attuazione della direttiva sono derivati aumenti dei costi dei centri di detenzione, malgrado i recenti tentativi del ministero dell’interno di rivedere al ribasso tutte le convenzioni esistenti,  una diminuzione del numero degli immigrati effettivamente accompagnati in frontiera, vistose violazioni dei diritti fondamentali della persona, con gravi  abusi perpetrati ai danni di persone comunque soggette ad una totale limitazione della libertà personale, solo per la mancanza di un valido titolo di ingresso o soggiorno nel territorio dello stato. I casi di respingimento rimangono affidati alla discrezionalità amministrativa e la vigente normativa italiana si pone in forte attrito con la direttiva 2008/115/CE che non contempla il caso dei respingimenti “differiti” che potrebbero contrastare anche, come sono effettuati nella prassi applicata, con principi costituzionali ( art. 3, 13, 24 e 32) e con il Regolamento sulle frontiere Schengen n.562 del 2006.

Il convegno tende a fare il punto sulla situazione complessiva di attuazione della  direttiva sui rimpatri in Italia, al fine di individuare le responsabilità dei ritardi legislativi e delle violazioni di legge che ormai  sono segnalati anche in importanti rapporti internazionali.



Nessun commento: