www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


mercoledì 26 settembre 2012

27 settembre, Palermo: Pomeriggi d'Estate alla Favorita. Musica e storie dalla Nigeria

Comunicato stampa - 26 settembre 2012

"POMERIGGI D'ESTATE ALLA FAVORITA"

GIOVEDI' 27 SETTEMBRE MUSICA E STORIE DI VITA DELLA NIGERIA

LE RAGAZZE DI BENIN CITY SI RACCONTANO RICORDANDO FAVOUR E LOVETH

Giovedì 27 Settembre, alle ore 18.00 presso le Scuderie Reali in Viale
Diana a Palermo, pomeriggio dedicato al ricordo di Favour e Loveth, le
due ragazze nigeriane brutalmente uccise nei mesi scorsi a Palermo, e
per sensibilizzare la cittadinanza alle drammatiche condizioni di vita
delle nuove schiave del sesso.

Il programma, ideato dal neonato 'Coordinamento antitratta Favour e
Loveth', proporrà una immersione nella cultura nigeriana attraverso la
letteratura, la musica e la danza della loro tradizione, e insieme,
uno spaccato della loro 'nuova vita' attraverso le testimonianze di
chi è riuscito a uscire dal giro.

Mentre in Sicilia i negozi falliscono investiti dalla crisi economica,
la fabbrica del sesso prospera con un fatturato annuale da capogiro:
30.000.000 di euro. I protagonisti di questo miracolo economico sono
le organizzazioni nigeriane della tratta. A Palermo ci sono più di 500
nigeriane costrette a vendere il loro corpo per pagare "il loro
debito" e riscattarsi dalla schiavitù; molte provengono da Benin City
attraverso le carrette del mare o con documenti falsi in aereo
accompagnate dai loro carnefici, dalle mamam, che con la falsa
promessa di un avvenire migliore si arricchiscono sulla loro pelle.

Favour Nike Adekunle e Loveth Eward avevano poco più di vent'anni e a
Palermo c'erano arrivate con la speranza di costruirsi un futuro
migliore. La prima si «vendeva» al parco della Favorita ed è stata
trovata strangolata, il corpo bruciato, nei pressi di Misilmeri.
Voleva sposarsi con un ragazzo palermitano e forse questo non è andato
a genio a chi doveva sfruttare le sue prestazioni. Loweth è stata
trovata morta vicino ad un cassonetto, tra sacchetti di spazzatura, in
via Filippo Juvara, vicino al Palazzo di Giustizia. Il 'Coordinamento
antitratta Favour e Loveth', costituito da oltre 20 associazioni, nel
portare avanti la memoria delle due ragazze, si impegna attivamente
nella lotta per la liberazione dalla schiavitù della tratta non solo
nigeriana ma anche rumena, albanese.

Per raggiungere le Scuderie Reali in Viale Diana, è possibile usare
anche i mezzi pubblici, in particolare la linea 806 dell'AMAT, sul cui
sito www.amat.pa.it. si trovano tutte le informazioni sugli orari di
partenza dal capolinea, sul percorso e sulle possibilità di
interscambio con le altre linee del trasporto pubblico locale.



Ingresso libero

Informazioni al 091.7407312.

Francesco Giambrone - Assessore alla cultura

Giuseppe Barbera – Assessore all'ambiente e vivibilità

Ufficio Stampa Distretto Culturale di Palermo
ANTONIO GERBINO - ROSANNA PISCIONE
presso Galleria d'Arte Moderna
Via S. Anna, 21 - 90133 Palermo
tel. 393.9991259 - 091.8431606
www.palermocultura.it
press@palermocultura.it

Nessun commento: