www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


sabato 24 marzo 2012

Asilo - Consegnata alla Cancellieri la richiesta di incontro: ora arriviamo a 7mila firme!

Diritto di scelta - Consegnata alla Cancellieri la richiesta di incontro. Rilanciamo la sfida: obiettivo 7.000 firme!

Oltre quaranta amministratori, centinaia di associazioni, musicisti, attori, docenti, avvocati e migliaia di volontari chiedono alla Cancellieri un permesso umanitario


Un permesso umanitario per i profughi fuggiti lo scorso anno durante il conflitto libico. Tutele, garanzie, diritti, affinché possano essere sottratti al destino di irregolarità a cui i responsi negativi delle commissioni territoriali rischiano di consegnarli.

Una questione di dignità, di democrazia e di giustizia
.


Per discutere di questo e per arrivare nell'immediato ad una soluzione della vicenda, la "Campagna Diritto di scelta" ha consegnato formalmente mercoledì 21 marzo la richiesta di incontro alla Ministra dell'Interno Cancellieri. Sono stati il Sindaco De Magistris e l'Assessore del Comune di Napoli Sergio D'Angelo a farsi carico della consegna a nome di tutta la "campagna"" durante la visita della Cancellieri a Napoli, dopo aver sottoscritto con l'Assessore Lucarelli ed altri quaranta amministratori di tutto il Paese la nostra petizione.

A sostenere la campagna hanno contribuito in questi mesi Gino Strada, Ascanio Celestini, Maurizio Landini, Sabina Guzzanti, Elio Germano, Moni Ovadia, Nichi Vendola, Paolo Ferrero, Don Gallo, Giuliana Sgrena, Don Ciotti, Padre Alex Zanotelli, Filippo Miraglia, Guido Vialle, Pietro Soldini e, cosa ancora più importante, migliaia di operatori, attivisti, volontari, singoli cittadini, che in questo anno si sono fatti carico dell'accoglienza di migliaia di migranti toccando con mano le scelte inadeguate messe in campo dal precedente governo.

Questa del rilascio di un permesso umanitario ai profughi provenienti dalla Libia è allora una sfida che lanciamo all'attuale esecutivo perché la discontinuità con quello che lo ha preceduto si misura, non tanto nei toni pacati e sobri con cui si tratta il tema dell' immigrazione, ma nelle azioni concrete.

 
Ora, in attesa che dal Viminale arrivino notizie sulla alla data dell'incontro per costruire insieme ai tanti firmatari la delegazione non resta che rilanciare la sfida:
OBIETTIVO 7.000 FIRME!
Sottoscrivete e fate circolare il testo dell'appello!
- La petizione, le firme, i video appelli ed i materiali sulla campagna
---
Progetto Melting Pot Europa
Uff. Stampa 049 9816789
Fax 049 664589



Nessun commento: