www.tprf.org: La tua arma segreta (words by Prem Rawat)

Pledge to Peace - Dichiarazione di Bruxelles - 28 novembre 2011



Discorso di Prem Rawat alla Settimana della Pace e della Solidarietà di Mazara del Vallo - 27 maggio 2011 - Video


"Determination, understanding and clarity have to be the fundamental foundations on which peace will be built."


"Not exclusion, but inclusion."


"The day our measurements are based on our similarities and not our differences is the day we will begin to lay the foundation for peace in this world."
Prem Rawat
Watch A message of Peace by Prem Rawat

Il Peace Education Program (PEP) ha lo scopo di aiutare i partecipanti a scoprire le risorse interiori che sono loro proprie, strumenti innati per vivere, come la forza interiore, la capacità di scelta e la speranza, esplorando anche la possibilità della pace personale.
Si tratta di un programma educativo nuovo, con un piano di studi che consiste in 10 video, ciascuno incentrato su un argomento specifico, presentato e facilitato da volontari. Questi seminari, adattabili e interattivi, sono non religiosi e non settari. Il contenuto di ciascun argomento si basa su brani tratti da discorsi pronunciati da Prem Rawat in tutto il mondo.
Presentazione del PEP (in italiano)

"Uno degli aspetti meravigliosi del ridere, della felicità, della gioia e della pace, è che sono cose contagiose. Diffondete questo sentimento contagioso di pace, il bisogno di pace, in questo mondo. È di questo che abbiamo bisogno nella nostra vita. La pace è una necessità, non è un lusso." Prem Rawat


lunedì 12 dicembre 2011

18 dicembre, Globo: Giornata di Azione globale contro il Razzismo e per i Diritti dei Migranti, Rifugiati e Sfollati


Molte organizzazioni in diversi paesi già la stanno costruendo. Ogni paese, regione o città sta decidendo autonomamente l’iniziativa che farà: una manifestazione per esigere la regolarizzazione dei milioni di migranti senza documenti che vivono nel mondo, una commemorazione per ricordare i migranti assassinati alle frontiere o nella difesa dei loro diritti, una conferenza sulla libertà di circolazione, una festa antirazzista.

Sappiamo che è molto difficile realizzare un’iniziativa a livello mondiale ma, più che mai siamo convinti che la situazione attuale lo richiede. Gli stati, potenze economiche e strutture politiche estranee alla vita quotidiana delle donne e degli uomini impongono loro, con la forza della violenza o di leggi ingiuste, le proprie scelte arbitrarie: succede con i programmi di “dislocazione”, deportazione e “delocalizzazione umana”, ma succede anche con gli infiniti ostacoli frapposti alla migrazione dei lavoratori e delle loro famiglie e al loro diritto di soggiorno nei paesi in cui decidono di immigrare.
Loro fanno politiche internazionali, il nostro movimento deve essere sempre più globale .

Per ciò, quello che unirà ognuna di queste attività sarà la volontà di affermare il diritto a migrare, il diritto a stabilirsi nel luogo che si sceglie e il diritto a non essere sfollato forzatamente dal proprio territorio.

Questo sogno può diventare realtà soltanto se siamo molti e se lo costruiamo insieme. La giornata del 18 vuole essere uno spazio a disposizione di tutte quelle organizzazioni e reti che quotidianamente lottano per i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati.

Per questo invitiamo tutti le organizzazioni e associazioni laiche e religiose, i sindacati e i gruppi politici, la società civile in generale a costruire insieme questa iniziativa.

Perché un movimento di lotta mondiale dei migranti, rifugiati ed sfollati è possibile!
E il prossimo appuntamento è il 18 dicembre 2011

Se volete contattarci potete scrivere a: info@globalmigrantsaction.org

Nessun commento: